Asl TO4: il progetto nordic walking

 

nordic walking7 febbraio 2012 – Una camminata sportiva che viene praticata con l'ausilio di appositi bastoncini, simili a quelli per lo sci di fondo, usati non come semplice appoggio ma per spingere, rendendo più energico il movimento. È il nordic walking (camminata nordica), attività che ha origine in Finlandia e che negli ultimi anni si è diffusa anche nel nostro Paese.

Per promuovere la pratica dell’attività fisica, particolarmente carente nella popolazione adulta e nella terza età, la Asl TO4 ha avviato nel 2011 una convenzione con due società sportive del territorio di competenza per la promozione del nordic walking e, a un anno di distanza, presenta il report finale. Leggi e scarica la presentazione del progetto (pdf 215 kb) e il report finale (pdf 96 kb).

Dai dati emerge che almeno una quarantina di persone hanno intrapreso questa nuova forma di attività fisica e un altro centinaio hanno potuto provarla, ricevendo informazioni e consigli per uno stile di vita attivo. Più in dettaglio:

  • 36 le sessioni di prove gratuite di nordic walking (guidate da istruttori) organizzate nell’ambito del progetto, più 8 brevi escursioni in vicinanza dei siti nella fase finale
  • 4 le postazioni attivate in altrettanti distretti della Asl
  • 159 le persone che hanno svolto almeno una volta la prova di nordic walking, tra cui 30 bambini che hanno fatto giochi preparatori in una giornata aperta alle scuole
  • 41 le persone che hanno completato il corso su 3 lezioni, acquisendo le capacità per praticarlo autonomamente
  • 20 le persone che si sono iscritte alle società sportive di nordic walking e svolgono l’attività regolarmente.

Le misurazioni effettuate a campione con l’holter metabolico, durante le lezioni di tecnica e durante le escursioni, hanno rilevato in media valori di intensità di sforzo moderato. Praticando il nordic walking si consuma infatti dal 20 al 30% di energia in più e la frequenza del battito cardiaco cresce di 10-15 pulsazioni al minuto rispetto al camminare senza bastoncini. Questa attività coinvolge gran parte della muscolatura scheletrica, allena quattro delle cinque principali qualità motorie (forza, resistenza, flessibilità, coordinazione), migliora la postura e scarica parte del peso corporeo dalle articolazioni sottoposte al carico in posizione eretta. Praticare 2 volte alla settimana il nordic walking con sessioni come quelle del progetto consente pertanto di raggiungere i livelli di attività fisica raccomandata per gli adulti, secondo le indicazioni Oms del 2010.

A tutti i partecipanti è stato chiesto di compilare un questionario di informazioni generali, mentre a chi ha partecipato a più prove, ha frequentato un corso completo su 3 lezioni o si è iscritto alle società sportive è stato somministrato anche il questionario internazionale sull’attività fisica Ipaq (versione breve). In totale sono stati raccolti 121 questionari generali e 75 questionari Ipaq.

Dalle informazioni raccolte emerge che il progetto ha raggiunto una popolazione che aveva bisogno di incrementare i propri livelli di attività motoria; inoltre il tipo di intervento proposto, il nordic walking, appare idoneo per intensità di sforzo e modalità di pratica a raggiungere i livelli di attività fisica raccomandati dall’Oms, se integrato in uno stile di vita attivo che consenta di camminare di più e di stare seduti di meno.

Leggi e scarica:

TAGs: